Bambole

Queste bambole di pezza hanno nel loro DNA svariate qualità di fiori, sono ibridi un po’ stralunati anche se a guardar bene petali, pistilli e foglie hanno disegni impeccabili. Laura non vede alcun problema nel sintetizzare nei suoi lavori svariate passioni: bambini, giardini, colori, stagioni. Prima delle bambole molte tovagliette avevano recato ricami di fiori, il punto croce era facile e i risultati sempre più belli. Lei non sapeva però come concretizzare un vago desiderio di tridimensionalità, era tentata dal profumare i suoi lini con le stesse essenze dei fiori ricamati, ma non le pareva abbastanza. Per far vivere i suoi fiori cosa di meglio che farli diventare occhi, sorrisi, nasi, anche se a volte un po’ rubizzi? Nasi-ciliegia e nasi-fragola si armonizzano bene con occhi-viola e bocche-ciclamino dai sorrisi così giocondi da far balenare, oltre a un sospetto di ebbrezza alcolica, un pizzico di follia.