Malva moschata

Piccolini

Il gioco non ci ha prese sin dall’inizio, fotografare gli orsetti in mezzo al verde sembrava non promettere emozioni particolari. Loro se ne stavano in una scatola divisa in compartimenti come soldatini disciplinati, pronti per un campo di battaglia in cartapesta. Ne abbiamo afferrati una manciata e abbiamo provato a farli occhieggiare dalle corolle dei fiori. Cadevano da tutte le parti rischiando di perdersi, per iniziare quel tipo di peripezie descritte nella favola “Il soldatino di piombo e la ballerina”.

Poi improvvisamente gli orsetti ci sono sembrati creature animate, pronte a far capriole, con una gioia che traboccava dai loro musetti di lana. I petali dei fiori palpitavano di ugual felicità nel sostenere quegli esserini senza peso, le rose acuivano il loro profumo, le ortensie bianche sembravano coppe di panna montata, pronte ad offrirsi ad una fantastica abbuffata. Entrambe abbiamo ricordato le illustrazioni delle fiabe della nostra infanzia, quando avevamo una predilezione per Messer Porcospino che, indossando una salopette da contadino, girava con la sua carriola tra i fiori di trifoglio e per proteggersi dal sole reggeva il gambo di una foglia di farfaro, quasi fosse un ombrello.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>