Fuoco

Quando giungiamo in montagna il primo compito è quello di accendere il fuoco: la casa è minuscola ma abbiamo un bel camino e la cucina economica. Se vogliamo sferruzzare la sera al calduccio dobbiamo abbassare il vetro temperato, per impedire alle faville di dar fuoco ai nostri lavori. Continue Reading →

Occhi rossi

Evitare che i propri soggetti fotografici esibiscano occhi rossi che rendono inquietante anche il sorriso più innocente è un problema da fotografi. In linea di principio Cristina non capiva perché Laura avesse scelto bottoncini color rubino per le sue bambole, dato che aveva azzurri, nocciola e neri per sguardi lucidi e brillanti. Anche la piccola che avrebbe avuto un bel vestitino scarlatto poteva benissimo avere capelli fiammeggianti, ma occhi profondi dai riflessi corvini. Continue Reading →

Scialli

A nostro parere gli scialli possono sottolineare la femminilità in due modi diversi, quasi opposti. Ci sono gli scialli in seta, dai colori vivaci e le lunghe frange delle ballerine di flamenco che concorrono ad esprimere l’aspetto sfrontato e dinamico, quasi aggressivo, della seduzione. Danzano e volteggiano, certo non proteggono dal freddo. Gli scialli di lana servono invece a coprire, avvolgere, nascondere. Continue Reading →

Babbucce

Cristina, nei rari momenti di umore patibolare, pensa che il luogo dove si troverebbe meglio sarebbe una cella di isolamento, a patto che le lasciassero portare libri, lane e uncinetti. È una fantasia fuggevole e disfattista, che la fa sentire in colpa quando si reca in quelle case dove donne straniere accudiscono gli anziani vivendo praticamente da recluse. Loro hanno qualche ora al giorno di libera uscita e tanti momenti di noia assoluta.

Continue Reading →