Peccoe!

Ogni famiglia ha un suo lessico, fatto di parole inventate, di allusioni ad avvenimenti, luoghi e usanze dimenticati che si fissano nel linguaggio, come nei proverbi e in tanti modi di dire, più tenaci dei ricordi. Se poi l’amore per i bambini di casa, Giulia nel nostro caso, ha sconfinato nell’adorazione, ricordare come storpiavano le prime parole, fa quasi parte di una liturgia. Continue Reading →

Proverbi e motociclette

Nuttata persa e figlia femmina”: così recita un proverbio siciliano, che torna a proposito ogni volta che l’impegno ha dato frutti scarsi, descrive la delusione per aver vegliato ed essersi poi trovati tra le braccia una Carmelina, una Maria o una Sara, invece dell’agognato figghiu masculo. Meno male che nei tempi andati i padri restavano fuori ad aspettare. Il nostro, che era naturalmente portato ad adorare tutte le creature, dalla formica all’aquila, ci ha accolte con grande entusiasmo, ci ha volute sportive, naturaliste e un po’ scienziate. Continue Reading →

Cinguettii

Di solito il clima di ansia generale trasmette nervosismo e apprensione, se invece ad indaffararsi intorno a noi sono frotte di uccellini dalle voci più disparate, affondiamo tranquillamente nei cuscini delle nostre sdraio in perfetta beatitudine. Continue Reading →

Fiori recisi

“Ho comprato alcuni vasi per i nostri fiori”: Laura estrae con delicatezza dalla carta velina un paio di oggettini di porcellana finissima riscuotendo subito l’approvazione di Cristina. Sono molto belli, ma soprattutto sono della dimensione giusta: quella di un lacrimarium. Non possiamo nascondere la nostra avarizia, cogliamo i nostri fiori con molta, molta parsimonia.

Continue Reading →