Gnomi e funghi

Gli gnomi e i funghi hanno in comune due cose: l’altezza e l’essere a volte buoni e a volte cattivi. Da bambine questi misteriosi personaggi delle fiabe ci affascinavano molto, erano più piccoli di noi, dispettosi e volubili avendo insieme i difetti dell’infanzia e della vecchiaia.

Continue Reading →

Una nuova favola

Laura, scienziata dei nostri tempi, porge a Cristina una scatola dal coperchio trasparente, che dimostra, più di ogni spiegazione o discorso, i progressi del suo lavoro. Sotto il vetro appare una miriade di creaturine sorridenti, tutte identiche, prova evidente dell’avvenuta clonazione di Cappuccetto Rosso. Anche i lupi si assomigliano molto tra di loro, ma il fatto è del tutto normale: sono un branco. È nei visetti umani che si palesa il miracolo dell’Identico replicato all’infinito, adesso starebbe a Cristina inventare una nuova favola per loro. Continue Reading →

Vecchi merletti

Cristina ha ricevuto da un’anziana paziente tre cuscinetti, opera di una cognata molto amata e rimpianta. C’è una stana logica nel cedere i ricordi più cari: chi li ha in dono viene incaricato di dar loro nuova vita, di amarli di un amore impersonale ma sincero, non più condizionato dal lutto e dal dolore. Sono deliziosi, questi piccoli capolavori, fanno pensare alle culle, ai salottini delle nursery preparati per bambine vittoriane. Continue Reading →

La scala degli gnomi

Abbiamo sempre amato i libretti per bambini inglesi che descrivevano gli animali, dai ricci ai conigli, dai cani alle oche, come felici fruitori di una vita borghese, in casette dove tante piccole comodità avevano l’aspetto di oggetti di natura o raccogliticci: i bebè topini dormivano nelle scatole di fiammiferi e il tè veniva servito su deliziosi tavolini-Ammanita muscaria. Continue Reading →