Nel Paese dei balocchi

Balocchi ha un suono diverso di giocattoli, sembra una parola più antica e fa venire in mente il Paese dei balocchi, quello dove i bimbi, in assenza di educazione e di senso di responsabilità, irretiti nei giochi infantili, diventano dei ciuchini. Noi ricordiamo ancora i nostri tempi quando si ricevevano doni solo a Natale e per il compleanno, quando i desideri eccessivi incontravano il rifiuto degli adulti e tramutandosi in odiosi capricci, svelavano tutta la loro negatività.

Continue Reading →

Pon pon

Cristina ammira i pon pon realizzati da Laura, ha acquistato un aggeggino di plastica che dovrebbe facilitarne la confezione, vorrebbe cimentarsi anche lei, i pon pon stanno così bene sui berretti! Da bambine abbiamo sciato facendoci roteare intorno al capo quelli più buffi, assicurati, a coppie, ai berretti da un lungo cordoncino intrecciato. I ricordi d’infanzia non finiscono qui: fare pon pon era la tipica occupazione di quando eravamo malate e il letto si copriva di soffici palline multicolori che consumavano tutti i gomitolini avanzati. Continue Reading →

Semi e lane

Abbiamo cominciato raccogliendo nei campi i semi delle aquilegie blu o violette, poi dai giardini di Mestre sono arrivate varietà coltivate bianche e rosa. A Funes il clima è ideale e i minuscoli grani neri e lucidi hanno trovato il terreno adatto a loro. Quest’anno abbiamo preparato piccole aiuole per ospitare i semi di salvie colorate, rosse e blu, dai giardini pubblici vengono anche pannocchiette che abbiamo raccolto senza sapere da quali fiori siano maturate, si vedrà.

Continue Reading →

Freddo

Laura e Cristina si assomigliano, hanno in comune molte passioni, ma quando arriva l’inverno emerge una fondamentale differenza tra loro: Laura è insofferente per il riscaldamento eccessivo nei locali pubblici e a casa di mamma, Cristina invece è ipersensibile al freddo, soprattutto la mattina al risveglio, quando si avvolge nelle innumerevoli coperte all’uncinetto che ha prodotto negli anni. Continue Reading →