Nerino o Moretto

Non ci ricordiamo mai come è stato chiamato: Moretto o Nerino. Ha un pelo fitto, fitto, morbido e lanuginoso. Non sembra ben attrezzato per vivere, le sue lunghe zampe lo sostengono, ma ancora traballa. Noi siamo preoccupate per lui, i suoi due fratellini non ce l’hanno fatta. Il piccolo Cesare, che per noi è anche un Piccolo Principe, dice che diventerà grande e forte, gli regala tutta la sua fiducia infantile ed è orgoglioso del suo tenero asinello. L’erba non manca, mamma asina è vicina, non ci sono lupi in Alpago.  Continue Reading →

Davide e Golia

Laura scatta fotografie ai nostri fiori, che, come i bambini, sono talmente belli che non ci si stanca mai di cogliere il loro sbocciare alla vita. Il nostro bosco è stato gravemente danneggiato dall’ultima neve, noi abbiamo un gran daffare per tagliare i tronchi di alberi divelti. Sono dei giganti ma siamo tenaci, l’impresa non ci scoraggia. I fiori cresciuti su steli esili, si sono dimostrati meno vulnerabili, ancora una volta Davide vince su Golia.

Continue Reading →

Prêt-à-porter

Il nostro abbigliamento è comodo, il nostro stile è rilassato. Siamo un po’ cicciotte e alla nostra età ci stà, abbiamo un’aria di salute, non nascondiamo i capelli bianchi. Non è così per le bambole e gli orsetti di Laura: loro seguono la moda! Ovviamente interessano le tendenze dell’abbigliamento per l’infanzia, hanno capi eleganti, anche perchè fortuna vuole che siano giudiziosi e non sporchino le vestine, così minuziosamente lavorate a maglia da Laura.

Continue Reading →

Fiori recisi

Per la prima volta un grande ramo di ciliegio riempie dei suoi fiori la nostra stanza. Migliaia di corolle sprigionano un soave splendore, l’acqua del vaso le nutre, ma non giungeranno mai a trasformarsi in frutti, bacche piccole e insignificanti: il nostro è un ciliegio giapponese. Noi amiamo che la natura segua il suo corso e non abbiamo mai reciso i gambi, non un giacinto o un narciso hanno lasciato il nostro prato. Continue Reading →

Uccellacci e uccellini

I soggetti preferiti dalle ricamatrici sono i fiori, decorativi e colorati. Il punto erba si presta, proprio come una matita, a raffigurare qualsiasi cosa: conigli e lupi, bimbette maliziose, olandesine, mulini a vento, marine e marinai. A noi piacciono in modo particolare i lavori chiamati Molas eseguiti con tante stoffe diverse, vengono dal Sudamerica ed hanno una carica potente di magia primitiva.

Continue Reading →