Rose

Le rose sono l’orgoglio dei bei giardini e potrebbero rappresentare un simbolo degli scambi tra culture, che nel caso specifico procedono per ibridazioni e innesti. Dal 1820 in poi questo fiore è diventato il protagonista di variazioni sempre nuove e bellissime, partendo da esemplari che avevano già condiviso con l’uomo millenni di storia, in Cina come in Europa. Le rose non vengono create solo dai vivaisti, anche le ricamatrici danno il loro contributo, rivelando una spiccata preferenza per le grandi corolle rosa, con petali che si dispongono armoniosamente, non ancora del tutto dischiusi.

Continue Reading →

Sotto ai bicchieri

Nulla ha gratificato le casalinghe di un tempo quanto le belle stoviglie per apparecchiare la tavola. I sottobicchieri sono deliziosi quanto inutili, se servissero a salvare la tovaglia dalle macchie, bisognerebbe ipotizzare che chi versa il vino sia affetto da tremore o dismetria, a gocciolare sono eventualmente le bottiglie, non i bicchieri. Capita invece che questi si rovescino, nel qual caso il sottobicchiere non può impedire al liquido di dilagare. Certo, se il sottobicchiere è decorato e fa pendant con la tovaglia aumenta il piacere di un buon pranzetto, fiori e candele non guastano, c’è chi mette il pane su un piattino d’argento.

Continue Reading →

Famiglia

Alle bambine piace tanto inventare una famiglia fatta di mamme e di bambole, da che mondo è mondo i padri sono assenti: lavorano. Sono famigliole che possono intessere relazioni tra loro, basate su un chiacchiericcio fitto fitto che denota modi saccenti e notevoli competenze su come allevare una prole che si guarda bene dal fare qualcosa di più che aprire e chiudere gli occhi o piangere se le si toglie il ciuccio di bocca. Quando si scaricano le batterie i bambolotti non fanno più nemmeno quello e infine, va notato, si guardano bene dal crescere. Continue Reading →

Panno lenci

Il panno lenci è una stoffa ottenuta infeltrendo la lana, non ha trama nè ordito e gli orli non sfilano. Pressato su stampi è stato utilizzato per fabbricare bambole bellissime. In precedenza venivano realizzate in porcellana, quindi erano fredde e delicate, poco adatte a ricevere effusioni infantili. Finalmente la nostra generazione ha ricevuto bambolotti di plastica, indistruttibili, quindi noi ci siamo incaricate di maltrattarli per bene, con amore, infliggendo loro tutto il repertorio di cure materne. Continue Reading →