Ladro di ciucci

Babbo Natale è molto amato dai bambini, a condizione che non si presenti di persona. Se compare in carne e ossa suscita una profonda diffidenza, dà l’impressione di vestire panni non suoi, di essere venuto per imbrogliare i piccini che hanno l’ingenuità di credere in lui. Ingenui sì, ma fino ad un certo punto. Si vede benissimo che la barba candida e cotonosa è posticcia. Le sopracciglia non sono bianche.Il finto vecchietto ha una voce innaturale e per di più dichiara di aver portati i doni come premio. Ma quando mai i bimbi sono stati buoni? Vuol forse incentivare un’obbedienza che non è bene concedere?
Continue Reading →

Nati con la cuffia

Ci inteneriscono le vecchie cuffiette per neonati, oggi non si usano più, ai piccolini si mettono berrettini caldi e morbidi come le tutine baby-cresci. Le cuffiette di trine, o di cotone finissimo, ricamate bianco su bianco, seguivano perfettamente la rotondità della testina, altrettanto delicata.
Da bambine, a evitare che manifestassimo il nostro affetto con coccole maldestre, ci raccontavano che il cranio alla nascita non è ancora del tutto formato: sono ancora aperte le fontanelle. Continue Reading →

Neve e pecore

Laura e Cristina sono rimaste commosse da un film intitolato Rams: è la storia di due fratelli anziani che superano incomprensioni lunghe cinquant’anni per salvare le loro pecore. Bellissime e cariche di lana bianca, in un paesaggio candido della neve gelata del nord Europa. Per le sorelle i due pastori sono diventati eroi, che non condannerebbero mai quello che a tanti potrebbe sembrare un tratto patologico della loro complicità: comprare lana, matasse per chili e chili, forse quintali. Continue Reading →

Avvento

Il conto alla rovescia inizia il primo di dicembre, nei calendari dell’avvento l’impazienza dell’attesa viene mitigata dalla sorpresina dolce nascosta nella casella di ogni giorno. I bimbi debbono imparare che non è un gioco dell’oca, non puoi avanzare di quattro posizioni per sgranocchiarti quatto cioccolatini in un sol colpo.
Continue Reading →

Trapunta

Laura ama i lavori piccoli, si diverte a miniaturizzare gli orsetti, raramente si cimenta in imprese di ampio respiro. È un peccato, perchè, quando lo fa, il risultato la premia: la trapunta in seta ha riscosso l’entusiasmo di tutta la famiglia. I colori sono quelli dell’autunno, di una stagione gioiosa, un tempo di foglie che si posano allegramente al suolo. Lo schema è geometrico: rettangoli ed esagoni si armonizzano in un disegno originale, ha la grazia di una lacca giapponese.
Continue Reading →