Come una ghianda

Amiamo i cartoni animati, non sono solo per bambini: quando abbiamo visto in “L’era glaciale” quel buffo essere simile ad una volpe rimanere incantato davanti ad una ghianda, ci siamo immedesimate in lui. Ha tutta l’aria di essere un carnivoro, che significato potrà dunque avere un’attrazione così forte per qualcosa che non è cibo? L’istinto non gli suggerisce di azzannarlo, di incorporarlo, ma solo di abbracciarlo. Nel nostro mondo affettivo la ghianda è il gomitolone, quello grande, compatto, sostanzioso, raro da trovarsi sullo scaffale degli avanzi di tessitura. Cristina ne ha comprato uno immenso, un filo marron cangiante, infinito. Continue Reading →

Bianco d’inverno

Cristina è freddolosa, Laura trova il salotto troppo riscaldato, è d’accordo di proteggersi dalle temperature più rigide, ma non ama il caldo soffocante, tipo serra per piante tropicali. I loro lavori invernali sono in lana e nulla le affascina di più dei filati colorati. Eppure il colore dell’inverno è il bianco: bianca la neve, bianche lepri, volpi e oche artiche, bianchi i poli e i ghiacciai. Cristina è meravigliata che alcune piante amino il freddo, è evidente che non lo affrontano come un disagio da superare, magari perdendo le foglie e sprofondando nel sonno, a loro il freddo piace, altrimenti i nostri ellebori non fiorirebbero a dicembre. Continue Reading →

Una donazione

Oggi tutte noi tendiamo ad accumulare una quantità di lane, fili e stoffe tale da garantirci di lavorare con impegno e costanza per i prossimi mille anni. Un bel gomitolo non si lascia in negozio: ci fa espressa richiesta di venire con noi. Poche amanti dell’uncinetto o dei ferri sono insensibili a questo richiamo. Le nostre mamme e le nostre nonne erano molto più parsimoniose ma, dal momento che per loro confezionare maglioni, sciarpe e corredini era più una necessità che un passatempo, avevano comunque una bella collezione di ferri, spagnolette, uova di legno, telai e gomitoli. Continue Reading →