Scegliere

Scegliere: operazione necessaria ma non facile quando Cristina si trova in uno dei luoghi dove si comprerebbe tutto: la sezione lane di Liberty, favoloso negozio di Londra, dove tutto è carissimo, ma esposto con un gusto aristocratico e raffinato. Lo sguardo è compiaciuto delle bellissime balconate in legno che a ogni piano circondano il cortile interno, fortunatamente è un piacere estetico disinteressato, mentre sono gli oggetti in vendita, che in linea di massima non è sensato acquistare, a mettere in tentazione. Continue Reading →

A macchina

Un tempo la macchina da cucire suscitò grandi entusiasmi. Permetteva alle donne di conciliare i doveri domestici con il lavoro pagato e rendeva tutto più veloce. Che noi si stia facendo marcia indietro e si tenti di rallentare tornando all’artigianato è un sintomo di quella malattia che ci fa girare in tondo come trottole, senza farci percepire l’orgoglio di ottenere nella professione e nella vita privata risultati importanti. Stiamo combattendo una battaglia probabilmente persa in partenza, ma ne vale comunque la pena: i nostri manufatti, anche se meno precisi e tecnicamente perfetti dei ricami delle nostre nonne, hanno grazia, freschezza, in un’esplosione di forme e di colori. Continue Reading →