Lana mohair

Non ci stancheremo mai di fare sciarpe, è un lavoro rilassante e non necessariamente ripetitivo: esistono tanti punti e, anche regalandosi le lane più pregiate, non si spende mai una cifra eccessiva. Il mohair ha una resa eccezionale, lavorato con ferri molto grossi, produce una specie di nuvola. Certo, richiede una certa concentrazione, con un filo così sottile può succedere di perdere una maglia. Continue Reading →

Alla fiera

Mentre Laura sceglieva tra una gamma infinita di colori tenui i rotolini di tessuto da acquistare, Cristina andava soggetta a quella, che in mancanza di un termine più appropriato, potremmo definire crisi mistica: vedeva in quei cerchietti, in quelle spirali un miracolo di vita, l’insieme le sembrava una coltura cellulare o una piastra inseminata di batteri. Stava facendo un viaggio nell’infinitamente piccolo, come se stesse guardando negli oculari di un microscopio, per scoprire che in una goccia d’acqua possono nascondersi milioni di esserini che, impregnati di coloranti vitali, esibiscono tinte vivaci e allegre. Continue Reading →

Primi libri

Laura sta preparando un libro per un bimbo molto, molto piccolo. Di stoffa morbida e profumata, può venir leccato ed è perfettamente in grado di affrontare i primi dentini: ogni oggetto è infatti una simpatica scoperta da rosicchiare. Cosa vedono gli occhi di un bimbo? Prima di tutto le proprie mani che si muovono in continuazione, afferrano tutto come animaletti curiosi. Quando gettano qualcosa per terra, non finiscono anch’esse sul pavimento, non rotolano via per nascondersi alla visuale. Restano al loro posto, pronte a scaraventare giù qualcos’altro. È un piacere avere due manine, prima a poi diventeranno obbedienti e sfoglieranno il libro, toccheranno le delicate immagini ricamate da Laura con pazienza, all’inizio è più divertente farlo precipitare dal seggiolone. Continue Reading →

Orme

La laguna di Venezia ghiacciò nel 1929, nel 1985 e nel 2012. Le nevicate sono meno rare, non servono temperature polari per vedere la città spolverata di bianco. A nostro parere è una veste che non le si addice, l’acqua deve restare acqua, il grigio della nebbia e della pioggia non guasta, ma il biancore ci sembra troppo vistoso, è come un velo da sposa sul capo di una vecchia signora. Continue Reading →