Al museo

I paesi anglosassoni hanno bellissimi musei del giocattolo. Nell’ottocento i bimbi ricchi vivevano nelle nursery dove ricevevano le visite dei genitori che li abituavano a vivere un mondo in miniatura, senza sconfinare negli appartamenti degli adulti. I giocattoli esposti al museo compongono ambienti perfetti restituendo l’immagine di un’infanzia giudiziosa e immobile, la fissità dei sorrisi delle bambole ha qualcosa di inquietante, e se nulla allude alla vivacità dei bambini forse non dipende dall’intenzione dei curatori, ma da una scelta ragionevole dei giocattoli da esporre. Continue Reading →