Casette

“Cic ciac, casa mia!”; un catenaccio immaginario chiudeva un cerchio inviolabile che nessuno poteva penetrare. Il sogno della casetta era questo e anche oggi è per noi importante  fantasticare di uno spazio intimo e privato ove gli altri non possano entrare o entrino in punta di piedi.

Una delle casette più celebri era la Casetta in Canadà, con vasche, pesciolini e tanti fiori di lillà. Noi, al tempo totalmente digiune di geografia,  la visualizzavano come una grossa mela verde con uscio e finestrelle, infatti l’unico spunto associativo a nostra disposizione  era rappresentato dal nome di quei splendidi pomi chiamati altrimenti Renette.

Campagna inglese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.