Centrini

Tanti e tanti anni fa ve ne era uno per ogni soprammobile e anche le poltrone esibivano un poggiatesta di pizzo. Come testimoniano le case dei nostri anziani, tavole, tavolini e comò erano disseminati di centri e centrini, quadrati, rettangolari o rotondi, all’uncinetto, bianchi o écru, spesso a far da pendant a tovaglie o copriletti. In cucina erano ammessi centrini di lino colorato, ricamati a punto intaglio, rotondi od ovali, a volte con una geometria un po’ approssimativa, quindi quasi rotondi od ovali, con orli comunque perfetti.

L’apoteosi della simmetria era rappresentata dai centrini a ferri, cerchi perfetti, leggerissimi, impalpabili come fiocchi di neve, delicati come le aureole dei santi. Cristina non può far a meno di comprarli ai mercatini e, mostrandoli, premette di star raccogliendo una collezione, per prevenire ogni domanda sulla loro attuale collocazione. Si può collezionare di tutto: tartarughe o gufi di ceramica, vecchie pipe, stampe giapponesi, palle di vetro con la neve. Laura sa di poter contare su quegli esemplari, quadrati o rettangolari, che sembrano fatti apposta per diventare copertine per le sue bambole, dando ai loro lettini tutto l’incanto dei lavori della nonna.

Funghi

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.