Colori e confini

Oggi, come un tempo, può succedere che la tinta di un tessuto dilaghi nel corso del bucato e cambi il colore di mutande, canottiere, camicie e strofinacci. Esiste un foglietto di carta capace di acchiappare il colore, ne è avido a tal punto che la biancheria rimane bianca, mentre lui si colora intensamente e va per questo menzionato tra le dieci migliori invenzioni dell’ultimo secolo. A volte i ricami antichi sono circondati da un debole alone, i fili hanno dato vita a disegni raffinati e precisi nei loro contorni, ma poi sono sconfinati sulla tela con gran delusione di colei che li riteneva dei sicuri alleati, docili strumenti della sua creatività.

Peccato: ma non si può per questo disconoscere il valore di lavori che non hanno altri difetti, il talento della ricamatrice è la cosa più importante, anche nel caso che i tintori non si siano saggiamente limitati a usare sostanze che si fissano stabilmente a cotoni, lini e sete. Le nostre rose sono di seta, materiale raffinato e prezioso, il verde delle foglie è passato sullo sfondo, ma non per questo i fiori sono meno belli.

Iniziali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.