Dolce dormire

 

Cristina guarda con affetto i due orsetti, dormono un letargo sereno, anche se hanno qualche problema d’identità: hanno messo da parte noci per i brevi risvegli, sono così piccoli che pensano di essere scoiattoli. Il sonno pesante, i visetti lisci e distesi, la fronte mai corrugata, sono i doni dell’infanzia e lei, pensionata da soli quindici giorni, sta rassegnandosi all’idea che, condizionata da quarant’anni di abitudine, si sveglierà sempre alle sei e mezzo, anche se fuori è buoi pesto.

Non può lamentarsene con Laura, che va a scuola puntuale tutte le mattine e no ha la prospettiva di cambiare i suoi ritmi nei prossimi sei anni, così contempla gli orsetti dormienti, personaggi gentili di una bella favola che non somiglia alla realtà.

Orsetta con noce

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.