Fuoco

Quando giungiamo in montagna il primo compito è quello di accendere il fuoco: la casa è minuscola ma abbiamo un bel camino e la cucina economica. Se vogliamo sferruzzare la sera al calduccio dobbiamo abbassare il vetro temperato, per impedire alle faville di dar fuoco ai nostri lavori.

Il calore diventa così meno diretto però non riusciamo a sfuggire a un dolce torpore. La fiamma che danza e il crepitare delle fascine assorbono la nostra attenzione, ne siamo affascinate, ed è meraviglioso scivolare pian piano nel sonno. Contro ogni nostra aspettativa le sere trascorrono beate e inoperose.

Lumini

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.