Mezzopunto

Sia Cristina che Laura in passato si sono cimentate nel lavoro su canovaccio: mezzopunto, punto croce o lanciato. Può sembrare monotono, di certo è adatto a chi ha più buona volontà che creatività e magari ha l’ambizione di tessere quadri, immagini complesse con fiori, paesaggi, dame ed unicorni: è sufficiente riempire con i fili i disegni già colorati sul canovaccio. Però è molto più divertente inventare i propri soggetti, utilizzando la carta millimetrata.

Cristina ha acquistato una tavoletta di metallo sulla quale appoggiare il foglio, quattro barrette magnetiche aiutano a delimitare il campo da riprodurre, man mano che il lavoro procede vengono spostate, così è più facile contare i quadratini che compongono il disegno. Venuta in possesso di un tale aggeggio, doveva pur produrre qualcosa, sino ad oggi una sola cosa: un cuscino ove una casetta è circondata da una cornice di motivi geometrici. La casa è un ottimo soggetto, ha le linee diritte di muri e finestre e le oblique del tetto, non c’è nulla di complicato, ma non è per questo che Cristina l’ha scelta: la casa è al centro di tutti i suoi desideri, vorrebbe averne ovunque, per riempirle di fiori e dei suoi innumerevoli copriletto all’uncinetto.

Filo di cotone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.