Monogrammi

Ci siamo chieste perché mai le fanciulle nel preparare i corredi siglassero ogni capo di biancheria preziosa, soprattutto i lenzuoli, con le proprie iniziali. Dal momento che si cominciava a ricamare il corredo assai prima che venissero stabilite le nozze, le iniziali si riferivano inevitabilmente al cognome da nubile.

Il corredo era destinato a un uso esclusivamente privato, né il lavaggio avveniva in lavanderie che rendessero utile una qualsiasi forma di contrassegno: perché allora iniziali dappertutto? Di certo alludevano alla provenienza della dote: che fosse ben chiaro che il corredo era proprietà della donna e che con il matrimonio non avrebbe fatto parte dei beni del marito. Più in generale era un modo per rivendicare il controllo su quegli oggetti di casa che facevano parte del mondo femminile. È un po’ buffo che, se sotto le lenzuola le spose non potevano restare signorine, sul risvolto continuassero ad affermare i simboli della loro vita precedente e, mentre per le donne di oggi che lavorano è del tutto naturale portare il proprio cognome, molte delle signore di una volta avrebbero ben potuto dimenticarselo, lasciando che ne custodissero il ricordo preziose lettere ricamate bianco su bianco.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.