Uova di Pasqua

Nonna Giuseppina portava a benedire le focacce pasquali confezionate intrecciando la pasta intorno ad un uovo non sgusciato. Altre uova venivano rassodate insieme a bucce di cipolla che le coloravano e poi venivano tranquillamente consumate senza rischi per la salute.

Oggi gli ovetti di cioccolata vengono venduti tutto l’anno con sorpresine rigorosamente vietate sotto i 36 mesi perché i piccolissimi tendono a non fare differenza tra ciò che è commestibile e quanto potrebbe soffocarli e c’è un certo rischio ad offrire le due cose insieme. Nelle pasticcerie è il trionfo della cioccolata, mentre i fiori di zucchero rappresentano l’esplosione della primavera. Da piccole rimanevamo estasiate proprio dalle uova più decorate, così perfette, sgargianti e dolci.  Nessuno ci aveva ancora istruite sul rischio di diabete, soprappeso e dislipidemia, allora l’avidità era peccato di gola, oggi, meno colpevolizzata, è  diventata una malattia.

Senza cottura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.