Rose regine

Un tempo le rose venivano donate come pegno d’amore, erano le regine del corteggiamento, quando ancora parlavano gli sguardi e pudici rossori fiorivano sul pallore del viso. Oggi le giovani olimpioniche scendono in piscina nel periodo del ciclo, i malumori premestruali sono dilagati oltre la settimana che compete loro e il rossore delle gote è un eritema solare o un’allergia.

Le rose oggi infastidiscono, nessun uomo ama piegarsi a un gesto gentile, suggerito da venditori che vivono di espedienti e non sono di certo i messaggeri di un mondo felice. Quando le rose sfioriscono i loro petali continuano a profumare per ricordare un fuggevole turbamento, ma è inaccettabile per i giovani d’oggi lasciarsi commuovere da un ricordo, così rose blu inchiostro vengono tatuate dove Madre Natura mai si sarebbe sognata di farle fiorire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.