Vecchi merletti

Cristina ha ricevuto da un’anziana paziente tre cuscinetti, opera di una cognata molto amata e rimpianta. C’è una stana logica nel cedere i ricordi più cari: chi li ha in dono viene incaricato di dar loro nuova vita, di amarli di un amore impersonale ma sincero, non più condizionato dal lutto e dal dolore. Sono deliziosi, questi piccoli capolavori, fanno pensare alle culle, ai salottini delle nursery preparati per bambine vittoriane.

Il ricamo ha un significato opposto al mandala, che è composto per poi dissolversi. In esso è destinata a dissolversi la vita della ricamatrice, non dimentichiamo che le opere più belle erano commissionate per dimore sontuose, ove non sarebbe mai penetrato un pensiero per l’umile artigiana che aveva consumato il suo tempo e i suoi occhi sul lino prezioso. Noi ci sentiamo un po’ eredi, all’orgoglio del possesso si affianca la gratitudine per quelle mani forse inconsapevoli di star preparando un regalo per le generazioni future.

Cuscinetti ad intaglio

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.