Vento

Abbiamo scoperto un modo per ricamare il vento, o meglio una brezza leggera che non reca disturbo, non muove le nuvole e non porta pioggia, né rovescia gli ombrelli costringendo a cercare riparo. Gonfia dolcemente le gonne, è il respiro dell’aria aperta, di grandi spazi vicino al mare del nord dove le barchette veleggiano serene come farfalle.

Le gonne, come si usava un tempo, sono ampie e morbide: quella della fanciulla si apre come la corolla di un fiore, quella della donna le arriva sino ai piedi e forse le sue rotondità non sono solo frutto del vento. Il gesto delle braccia sembrerebbe indicare una consapevolezza di maternità, e lo sguardo attento che le rivolge il marito potrebbe essere l’indizio di un’intima condivisione di pensieri.

Coppia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.